Chi sono

Ho 41 anni e sono papà di due bambini. Mi sono laureato in Filosofia presso l’Università Statale di Milano e diplomato in clarinetto presso il Conservatorio di Novara.
Da anni sono impegnato in prima persona per migliorare il mondo che abbiamo ereditato. L’ho fatto da ragazzo come animatore culturale, sul lavoro occupandomi di formazione professionale, lotta alla dispersione scolastica e inserimenti lavorativi, in particolare con adolescenti e fasce deboli e nel mondo dell’associazionismo. Nel 2007 ho partecipato alla nascita del coordinamento di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie a Novara diventandone referente provinciale fino al dicembre 2013.

Nel 2008 ho fondato l’associazione Sermais. Società Civile Responsabile, di cui sono stato presidente, attiva nel campo dell’educazione e dell’impegno civile.

Dal 2013 sono tra i soci fondatori della fondazione Benvenuti in Italia, un advocacy group che si propone di trasformare in proposte politiche gli esiti del lavoro di un ampio movimento sui temi sociali, culturali ed educativi.

Sempre nel corso del 2013 ho ricevuto dalla Giunta comunale di Novara l’onorificenza di “Novarese dell’anno”.

Nel 2014 sono diventato Consigliere Regionale e in questo nuovo ruolo ho portato nelle istituzioni i valori e le sfide di una vita impegnandomi con passione per tutta la legislatura. Cinque anni di lavoro intenso, sempre in contatto con il territorio, in cui ho presentato quattro proposte di legge – su cave, usura e sovraindebitamento, cyberbullismo e invecchiamento attivo – tutte diventate norme regionali. Un percorso che mi ha consentito di occuparmi di temi su cui mi impegno da tempo, come il contrasto al gioco d’azzardo patologico e il riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie a partire dalla “liberazione” del castello di Miasino, ma anche di affrontare nuove sfide, con un’attenzione particolare al mondo della sanità, anche in virtù del mio ruolo di presidente della Commissione Sanità e Politiche Sociali.